Quantcast

Sezioni Unite: sull'obbligatorietà della conciliazione nelle controversie tra società di telecomunicazioni e utenti

Alle sezioni unite della cassazione è stata rimessa la questione se, nella materia delle telecomunicazioni, il tentativo di conciliazione sia o meno obbligatorio con riferimento ai procedimenti monitori.

La normativa di riferimento è la legge 249/1997, che ha istituito l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e le norme sui sistemi delle telecomunicazioni, che all'art. 1 c.11, stabilisce che non può proporsi ricorso in sede giurisdizionale fino a che non sia stato esperito un tentativo obbligatorio di conciliazione.

Nell'unico precedente pronunciato dalla Corte in un caso analogo (Cass. n. 25611 del 14/10/2016) la stessa ha statuito che in " tema di controversie tra gli organismi di telecomunicazioni e gli utenti, il tentativo obbligatorio di conciliazione, previsto dalla L. n. 249 del 1997, art. 1, comma 11, non è condizione di procedibilità anche del ricorso per decreto ingiuntivo, attivando quest'ultimo un procedimento "inaudita altera parte", rispetto al quale la sperimentazione della possibilità di comporre bonariamente la vertenza non appare praticabile, proprio per l'assenza del contraddittorio tra le parti" .

La Suprema Corte, a sezioni unite, con la sentenza n. 8240 del 28 aprile 2020 conferma il proprio precedente in materia di telecomunicazioni, affermando che il preventivo tentativo di conciliazione risulta strutturalmente incompatibile con i procedimenti privi di contraddittorio o a contraddittorio differito, come quelli monitori e, pertanto, non è praticabile la possibilità di comporre bonariamente la vertenza stante l'assenza di un contraddittorio attuale tra i contendenti.

In conclusione la Corte di Cassazione ha affermato il seguente principio di diritto: "In tema di controversie tra le società erogatrici dei servizi di telecomunicazioni e gli utenti, non è soggetto all'obbligo di esperire il preventivo tentativo di conciliazione, previsto dalla L. n. 249 del 1997, art. 1, comma 11, chi intenda richiedere un provvedimento monitorio, essendo il preventivo tentativo di conciliazione strutturalmente incompatibile con i procedimenti privi di contraddittorio o a contraddittorio differito". 

Cassazione Civile n.7969/20: per danni causati da ....
Stupefacenti: le Sezioni Unite sull'applicabilità ....

Settori di Competenza

Diritto Penale

Lo studio fornisce assistenza e consulenza ai privati e alle imprese in relazione a tutti i tipi di reato

Diritto Penale Minorile

Tutela dei minori in tutte le fasi del procedimento penale che è disciplinato dal DPR 448/1988

Patrocinio a spese dello Stato

Lo studio garantisce il patrocinio in materia penale e civile ai clienti, maggiorenni o minorenni

Animali d'Affezione e Cinofilia

Esperienza in tutte le problematiche legate agli animali d'affezione

Contrattualistica e Privacy

Assistenza ai privati e alle imprese per la redazione di contratti, sia di tipo tradizionale sia legata alle moderne tecnologie

Diritti Reali e Condominio

Esperienza per consulenze, stragiudiziali e giudiziali, in materia di proprietà, diritto reale perfetto rispetto al quale tutti gli altri diritti si considerano limitati.

Diritto del Lavoro

Assistenza giudiziale e stragiudiziale, sia ai lavoratori che alle imprese, per tutte le questioni riguardanti il rapporto di lavoro

Diritto di Famiglia

Consulenza giudiziale e stragiudiziale in materia di separazione o divorzio, di rapporti patrimoniali ed economici tra coniugi e di mantenimento dei figli.

Infortunistica Stradale e Responsabilità Civile

Lo studio si occupa di assistere la clientela per le conseguenze derivanti da sinistri stradali sia nelle ipotesi di danni ai soli veicoli che nei casi di lesioni personali o morte

Locazioni

Consulenza e assistenza per ogni tipo di esigenza in materia di affitti e locazioni sia relativamente ad immobili ad uso commerciale che ad uso abitativo.

Recupero Crediti

Lo studio legale è in grado di offrire alle imprese un'efficace e consolidata assistenza, giudiziale e stragiudiziale per il recupero dei crediti